Nuovi corsi di Samba

Nuovi corsi di Samba

Ogni lunedì e giovedì presso la sede di La Storta

Corso di Samba e approfondimenti

Corso di Samba e approfondimenti

Presso la sede di Grottarossa!

Samba

Se le spiagge e la Foresta Amazzonica rappresentano le attrazioni naturali più famose ed apprezzate in Brasile, la sfera della cultura, delle curiosità, dei tratti tradizionali e musicali è dominata sicuramente dalla samba, musica brasiliana per eccellenza.
Deriva il nome direttamente da “semba”, un ritmo religioso originario dell’Africa, nacque nel XIX secolo a Salvador de Bahia e con il trascorrere dei decenni è divenuto uno dei ritmi musicali più conosciuti ed apprezzati in assoluto. E’ alla base dei festeggiamenti per il Carnevale di Rio, durante il quale i quartieri della città si sfidano a colpi di samba e costumi appariscenti fino a confluire nel leggendario “Sambodromo”, culla del samba brasiliano dove si tengono le parate conclusive.
Contrariamente a quanto si possa pensare, le origini della samba non fanno capo a cittadini brasiliani, bensì agli schiavi che in età moderna venivano portati in Sud America dall’Africa occidentale per lavorare nelle piantagioni di caffè. Alla nascita di questa musica contribuirono in maniera sostanziale le musiche tribali africane: su tutte il naghò, il batuque e il bajao. Il suo nome è composto dall’unione di due parole, “sam” e “ba”, che in Africa significano “paga” e “ricevi”.
La samba nasce dunque dal Brasile più povero, quello che ai tempi della schiavitù era costretto a vivere in condizioni disumane nelle favelas o sui “morros” (colline) delle grandi città. Da Salvador de Bahia, a cavallo tra il 1800 e il 1900 la Samba ha raggiunto praticamente tutto il Brasile, diventando l’espressione più vivida ed apprezzata della musica e della cultura popolare. A Rio de Janeiro fu coltivato soprattutto nella casa di Maria Hilaria Baptista de Almeida (nota come Tia Ciata), che divenne in poco tempo la culla di alcuni tra i più celebri sambisti del Brasile: da Heitor dos Prazeres a Donga, passando per Joao da Bajana, Caninha e tanti altri.